Micro Nuclear: il reattore nucleare per la casa.

15 06 2008

Ma vi immaginate se a casa della nonna fosse installato un piccolo reattore nucleare di uso domestico per i propri fabbisogni energetici?
La notizia non è delle più clamorose ma in Italia di grande attualità dato che si solleverebbero delle controversie legali allorquando la cosa fosse introdotta sul mercato nazionale.

È di fine 2007 l’annuncio fatto da Toshiba di aver progettato un piccolo reattore nucleare pensato per dare energia a piccoli centri urbani, dalle dimensioni alquanto contenute (6x2metri). Il reattore “Toshiba MicroNuclear” capace di una potenza di 200 kilowatt, a quanto pare, utilizza un’innovativa tecnologia che anziché attivare la reazione nucleare in modo tradizionale, sfrutta un serbatoio di litio-6 liquido: un isotopo che è molto efficace per assorbire i neutroni. Gli esperti sostengono che proprio grazie a questa tecnologia il reattore sia completamente estraneo a problemi di surriscaldamento di cui soffrono i reattori tradizionali. Tutto il processo è automatico ed ha una stima di vita di 40 anni (e poi?), producendo energia generata valutata a 5 centesimi per chilowattora, circa la metà di costo di mercato. A quanto pare i 200 kilowatt di potenza sono solo una piccola quota della reale potenza che un simile oggetto può sviluppare.Si pensa che con ulteriori sviluppi possa essere raggiunta una potenza addirittura di 5 megawatt. Toshiba prevede la prima installazione per il 2008 in Giappone. Rimango perplesso come a volte si riesce a lucrare su mezzanismi intrinsecamente non sicuri.

Va bene che si costruiscano reattori nucleari (mica tanto!), ma farli anche in versione compatta mi sembra decisamente eccessivo. Perché invece per le comunità isolate dove è più sentito il problema dell’energia elettrica, non si esplorano soluzioni innovative nel campo delle fonti alternative e a basso impatto abientale? Il problema dello smaltimento delle scorie non è stato affatto risolto, per non parlare poi della sicurezza! Sembra che l’attenzione è posta solamente sui costi e sulle stime del tempo di vita dell’impianto: se la stima del tempo di vita supera ampiamente quella del tempo necessario per ammortizzare i costi d’impianto, si esce sul mercato infischiandosene del rispetto ambientale.


Azioni

Information

2 responses

21 08 2008
Nucleare casalingo! - EnergeticAmbiente.it

[…] casalingo! Leggete qui: Micro Nuclear: il reattore nucleare per la casa. olatitant E le scorie? La manutenzione? I rischi chi li ha considerati? Dopo 40 anni che si […]

30 10 2008
Energia Nucleare: Pro o Contro? - Pagina 54 - EnergeticAmbiente.it

[…] ce ne sono anche di più piccoli Micro Nuclear: il reattore nucleare per la casa. olatitant […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...