Linux: i programmi che bisogna assolutamente installare

7 06 2008

Oggi voglio aprire un post sui programmi basilari che si ritengono indispensabili sul pinguino. Personalmente penso che non si possa assolutamente fare a meno dei seguenti:

  • suite d’ufficio: OpenOffice, GNumeric (bel software, a volte m’è parso anche più compatibile con Excel)
  • lettore (magari anche editor) pdf: Kpdf tutta la vita
  • masterizzazione: più GnomeBaker, con Brasero a volte ho avuto problemi
  • gestore torrent: Deluge tutta la vita
  • visualizzatore di immagini: gThumb in genere va più che bene
  • lettore multimediale: Kaffeine è bellissimo, VLC quando hai bisogno di aprire stream di rete,MPlayer per le emergenze, Totem per la maggior parte dei casi va più che bene
  • network manager: ASSOLUTAMENTE OBBLIGATORIO: WICD al posto di network manager di Gnome… è mille volte meglio (senza scherzare)
  • mail reader: Evolution, freepops (demone indispensabile per i pop su molti domini)
  • programmazione: KDevelop è molto molto bello (mi piace più di Anjuta per Gnome), Eclipse
  • lettura file immagini: Acetone (ottimo clone di Daemon Tools per Linux)

    Se vi ricordate qualche altra applicazione che potete consigliarmi perché l’avete trovato comoda, citatela.

Annunci




Windows e Freepops: scaricare la posta di hotmail, libero, etc. con Outlook, Eudora, etc.

3 06 2008

Vi è mai capitato di sentirvi infastiditi dalla guerra a colpi di domini che si fanno i vari provider? Quell’enorme fastidio che spesso provoca vero e proprio disagio a chi vuole effettuare il download delle proprie mail in locale con il proprio programma client preferito? Siiii !!! Anche io ed è per questo che mi accingo a scrivere questo post.

Il fatto

Supponiamo che Pippo abbia registrato un account su dominio hotmail (pippo@hotmail.com) e che gli dia noia dover effettuare l’accesso direttamente dal proprio browser, ogni volta che decida di leggere la propria posta. Pippo allora pensa che sarebbe molto più comodo effettuale il download il download della propria posta in locale sul proprio pc. Dando una sbirciatina al web scopre che la cosa è molto semplice, basta scaricare un mail reader. Anzi bisogna scaricare il mail reader, quello ufficiale, quello sponsorizzato, pubblicizzato direttamente su dominio hotmail. Lo installa e scopre che non gli piace, ed essendo un romantico vorrebbe riusare quel Eudora che tanto gli garbava sul suo vecchio pc. Recupera una copia di Eudora on-line, la installa, configura il tutto, ma viene a scoprire che qualcosa è andato storto, non riesce a scaricare un bel nulla. Il server di posta da libero accesso solamente al suo reader proprietario. Allo stato attuale dell’arte non c’è verso di effettuare il download della propria posta elettronica in locale se non si utilizza il mail reader proprietario.

La soluzione

Ma è proprio così ? Siamo proprio sicuri che dobbiamo piegarci all’idea che in nome delle solite proprietà intellettuali, dobbiamo rimanere vincolati ad un prodotto e perdere la libertà di poter scegliere quello che crediamo meglio per noi ? La risposta è nascosta nella rete. Quelli che bazzicano col pinguino sorridono, perché già da tempo sono bene informati, dato che non esiste un equivalente livemail per il pinguino, ma forse molti amici di windows ancora ignorano la cosa. Armati di pazienza e di testardaggine, scopriamo, poco pubblicizzato forse perché software libero e quindi non spinto nella diffusione da interessi economici, che esiste un programma dal nome incoraggiante: Freepops. Freepops è un nient’altro che un demone, ovvero un programma passivo, uno di quelli che ritroviamo nei programmi in esecuzione ma con il quale non interagiamo quasi mai in maniera diretta. Questo demone si inserisce tra il client di posta ovvero il nostro mail reader ed il server di posta e consente di superare le limitazioni imposte dai vari gestori di posta elettronica. Il nostro mail reader interagisce con freepops come se questo fosse il server di posta elettronica, e freepops interagisce col server di posta. Bisogna semplicemente far puntare il nostro client a questo server pop locale sulla porta 2000. Freepops una volta avviato si mette in ascolto sulla porta numero 2000 e può essere inteppellato sia da Thunderbird, Evolution, Eudora…., bisogna semplicemente passargli l’indirizzo mail (e non semplicemente username) e la password. La sua configurazione è praticamente trasparente, perché l’utente deve semplicemente mantenerlo aggiornato. Freepops grazie ai suoi plugin, una volta a conoscenza dell’indirizzo maildi cui controllare la posta, riconosce il dominio in automatico e si incarica di ogni operazione di cui si necessita per riuscire a recuperare la propria posta elettronica. Il mail reader dialoga con freepops sulla porta 2000, come già detto in precedenza. È un programma facilmente estendibile, che permette di accedere alle risorse più differenti attraverso il protocollo POP3. Principalmente può essere utilizzato per scaricare la posta dalle più famose webmail, ma può anche servire come aggregator per feed RSS ed altro ancora. In questo modo è possibile consultare tutti i propri messaggi utilizzando il proprio client email preferito.
FreePOPs è Software Libero!

windows Se usate un sistema operativo Windows, effettuate il download di FreePOPs.

Si tratta di un pacchetto auto-installante e dovrebbe funzionare su tutte le versioni di Windows, da Windows 95 a XP.

La versione standard di FreePOPs usa OpenSSL (una libreria di crittografia usata principalmente per le connessioni HTTP criptate). Gli autori di FreePOPs vorrebbero migrare da OpenSSL a GnuTLS sia per questioni tecniche che di licenze. Se vuoi aiutare la transizione scarica l’installer con GnuTLS.

L’installazione

Fate doppio click sul file di setup che avete scaricato e rispondete sì a tutte le domande senza leggere 😉





Minimizzare evolution in tray icon nell’ area di notifica.

1 06 2008

Mi sono sempre chiesto perché nessuno ha mai pensato di permettere ad Evolution di rimpicciolirsi in una tray icon, in maniera che non bisognasse per forza tenerlo in esecuzione, o al massimo minimizzato in un elenco finestre su un pannello. La cosa mi risulta fastidiosa, anche perché trovo sia molto comodo avere il proprio mail reader in esecuzione in una tray icon pronto per avvisarti appena ti giunge posta. Ho provato con mail-notification-evolution, una utility terza che una volta configurata e lanciata in esecuzione fa comparire una tray icon nell’area di notifica che segnala se Evolution è in esecuzione e se giunge posta nuova. Due critiche :

1) Evolution deve rimanere in esecuzione. In caso contrario mail-notification-evolution ne segnala fastidiosamente la chiusura costringendoci tra l’altro a tenere Evolution in esecuzione, e non può comunque più segnalare se giunge nuova posta;

2)se Evolution viene lasciato in esecuzione è già in grado di segnalare se giunge posta nuova. Ignoro quindi a cosa possa essere utile mail-notification-evolution.

Alla fine ho optato per una utile utility che secondo me può essere tranquillamente sfruttata anche per altri applicativi di cui si necessita rimpicciolire in qualche tray icon. Basta installare una leggera utility di nome alltray

    sudo apt-get install alltray

Questa utility una volta lanciata semplicemente chiede di cliccare col mouse sulla finestra che si vuole rendere tray icon. A quel punto si genera la tray icon, e la finestra si chiude. Da questo momento ogni volta che si vuole riaprire la finestra basta cliccare sulla tray icon, e ogni volta che la si vuole rimpicciolire nuovamente basta cliccare sulla tray icon o anche premere il pulsante chiudi sul bordo della finestra in alto a destra. In tal modo Evolution rimane in esecuzione e diventa tray icon.